logo_immaginepugliaresortfb
Associazione di Promozione per la Puglia
Tel.: +39 3495621064
3488739624

mail: terradipuglia@yahoo.it
Skype: terradipuglia
f.book: https://www.facebook.com/pugliaresort

Italiano
Français
English
Deutsch
Deutsch
Français
Italiano
English
box_reservation_bg
box_reservation_bg

Trulli in Centro Monumentale di Alberobello

Video di Alberobello

Video di Alberobello

Trulli Monte Pasubio Resort


C
licca sulla foto per vedere il video di Alberobello

















sidebar_3

In zona monumentale di Alberobello, l'emozione di vivere come vivevano una volta in chiave moderna. Nella bellissima Puglia trulli in pieno centro monumentale di Alberobello 2/4/6 posti letto recentemente e finemente ristrutturati con gusto.
Il trullo nella zona monumentale e commerciale dista 400m dalla stazione ferroviaria SUD_EST, dall'ospedale a 300m.

Ti riceverà Mariano
Tel: 3495621064
mail: terradipuglia@yahoo.it
sito diretto:http://bbalberobello.com
page_7
page_2
page_10
page_5

Trulli suite Monte Pasubio

Trulli suite Monte Pasubio

page_13
page_16
La Storia di Alberobello








"LE CASEDDE" COSTRUZIONI SENZA TEMPO CON UN   CONO PER CAPPELLO

Le "casedde", come vengono popolarmente chiamati i trulli in Valle d'Itria, sono davvero costruzioni senza tempo in un paesaggio fiabesco che incanta per le sue geometrie fatte di trulli, muretti a secco, vigneti e uliveti.

A ben osservare i trulli sembrano proprio dei personaggi da favola con il loro bianco cappello, e sono lì a ricordarci la determinazione e la tenacia dell'uomo a trasformare in suo favore condizioni ambientali avverse, a trasformare la pietra, di cui abbonda il territorio collinare altosalentino, da fattore negativo di ostacolo alla coltivazione a fattore positivo di materia prima per i terrazzamenti,  per i muretti a secco e per la costruzione delle proprie dimore.

Sino agli anni cinquanta il trullo rappresentava la costruzione tipo delle nostre campagne,   la sua costruzione costava un terzo che una casa in muratura. Oggi non è più così, ma si assiste a un recupero e restauro degli antichi trulli e persino, a  nuove costruzioni a trullo grazie a nuovi "muratori" che con passione e impegno tramandano l'arte antica del "trullaro" sotto la guida attenta di arzilli "giovani"  maestri ultrasettantenni.

  
I Trulli (dal greco tardo τρουλλος, cupola) sono antiche costruzioni in pietra "a secco", coniche, di origini protostoriche; tuttavia, nonostante nelle zone di sviluppo dei trulli si rinvengano reperti archeologici di epoca preistorica, o fondazioni di capanne in pietra risalenti all'età del bronzo, non esistono trulli particolarmente antichi: questo sarebbe giustificato dal fatto secondo cui piuttosto che provvedere alla riparazione dello stesso in caso di dissesto, si preferiva abbatterlo e ricostruirlo per motivi economici, riutilizzandone il materiale. I trulli più antichi di cui ci resti traccia oggigiorno sono stati costruiti nel XVI secolo a ridosso del promontorio pugliese della Murgia.

I trulli, di pianta circolare, sono costruiti con pietre raccolte e modellate in modo da creare una sorta di mattonella; possono essere composti da un vano semplice, oppure da più ambienti, che in genere vengono aggiunti per gemmazione attorno al vano centrale. Sono abitabili solo al piano terreno, ma al di sotto di essi possono essere ricavate delle cisterne per conservare l'acqua piovana.

Gli spessi muri del trullo erano costruiti a secco con una particolare tecnica di sovrapposizione di pietre e molto spesso erano dotati di una intercapedine, dove veniva collocato del terriccio, per mantenere gli ambienti interni freschi d'estate e caldi d'inverno. Questi vengono sormontati da una pseudo-cupola (ovverosia una serie di lastre orizzontali disposte a gradini rientranti verso l'alto), costituita da un doppio strato di pietra calcarea: uno interno, di rocce, e l'altro esterno, di lastre, frequentemente adornata da decorazioni a carattere esoterico, spirituale o scaramantico.

Si pensa che inizialmente l'intera costruzione fosse costituita dalla sola cupola, ma oggigiorno non si hanno conferme né smentite in tal senso. All'apice di ogni trullo è collocata una pietra, che risulta essere la chiave di volta della copertura a cono, oltre ad avere una funzione ornamentale.
I Trulli sono stati dichiarati patrimoni dell'umanità dall'UNESCO.

Alcune tipologie costruttive dei trulli presenti sulla Murgia Nord-OccidentaleIl promontorio della Murgia, ricco di pietre e formazioni calcaree, ha dato la possibilità agli ingegnosi costruttori dell'epoca di progettare queste costruzioni.
La zona più importante dei Trulli è rappresentata dalla Valle d'Itria. Qui la città di Alberobello (BA), avendo un intera area cittadina edificata con queste costruzioni, rappresenta a tutti gli effetti la "Capitale dei Trulli". Altre zone di particolare importanza sono rappresentate dalle campagne circostanti di Locorotondo (BA); Martina Franca (TA); Cisternino, Ostuni, Fasano e Ceglie Messapica (BR). Costruzioni simili sono presenti anche nella zona settentrionale del promontorio della Murgia, nelle zone di Monopoli e di Polignano a Mare (Bari); tali costruzioni più vicine al mare ed utilizzate per altri scopi, hanno evidenti particolari architettonici differenti.

Anche nel Nord-Barese, nella Murgia Nord-Occidentale, si rinvengono numerose costruzioni a trullo. Queste venivano soprattutto utilizzate, dai pastori, come ricoveri temporanei. Alcuni sono di fattura molto pregiata, altri invece molto più semplici.
Per la costruzione della ripica struttura pugliese venivano utilizzate pietre calcaree del posto, il cui utilizzo ne implicava la rimozione dai campi, laddove impedivano la coltivazione. A ciò si deve l'esistenza di numerose tipologie costruttive, le quali dipendendo molto dal tipo di pietra rinvenuta (a chianca, tondeggiante, più o meno facilmente lavorabile, ecc.), variano anche nel raggio di pochi chilometri.

Il trullo era una tipica costruzione contadina, dove il cozzaro, ovvero colui che coltivava la terra del padrone, poteva avere un giaciglio dove dormire e tenere gli attrezzi del campo. I bambini usavano dormire in alcove scavate come nicchie direttamente nel muro e divise dall'ambiente principale tramite tende.
Alcune travi di legno, tuttora visibili nei trulli attuali, non avevano funzione strutturale ma servivano piuttosto per appendere le vivande e le provviste, tenendole sollevate da terra (non di rado il pavimento, in terra battuta, era condiviso da persone e animali domestici).

Si pensa che anticamente i Trulli venissero utilizzati per evadere il pagamento delle tasse sulle case. Ci sono varie teorie in proposito. Una di queste afferma che i Trulli venivano usati per comunicare mediante segnali di fumo l'arrivo di eventuali controlli; in quel caso venivano letteralmente scoperchiati, in attesa di essere ricostruiti una volta passato il pericolo.
Una diceria popolare vuole che nell'approssimarsi della venuta del padrone che chiedeva il pagamento del dazio per la residenza nel terreno, ai cozzari bastasse tirare via una sola pietra per far crollare tutta la costruzione, facendo apparire il tutto come un semplice cumulo di pietre.

I Trulli sono stati dichiarati patrimoni dell'umanità dall'UNESCO.
sidebar_fotobn1

Posizionamento Trulli suite Monte Pasubio

Trulli Cathedral Calvario

catedral5

Trulli Regina

Vieni a trascorrere la tua vacanza o un weekend davvero speciale nel nostro incantevole TRULLO (monolocale di ca. 25 mq) sito nella zona centrale-monumentale di ALBEROBELLO (BA – ITALY), per trascorrere indimenticabili giorni/notti nella capitale dei trulli. Un ritorno al passato senza grandi esigenze (un immobile degli inizi dell’800 ristrutturato) ma con i confort indispensabili.Due quattro posti letto in due camere da letto matrimoniali di ui uno soppalcato.
Ti riceverà: Antonio
Telefono: +39  3495621064
Email: terradipuglia@yahoo.it
page_dsc8634
page_dsc8658
page_06012013342
page_matrimonialesoppalcosalvata
page_06012013341
page_dsc8639

Posizionamento Trulli Regina Alberobello

Trulli Agrusti Pugliaresort

Posizionamento Trulli PietraDimora

Posizionamento Trulli PietraDimora

sidebar_129644402215294054751166742160n
Matera è una città antichissima, il cui territorio testimonia insediamenti senza soluzione di continuità sin dall'età paleolitica[7]. Infatti nelle grotte sparse lungo le Gravine materane sono stati ritrovati diversi oggetti risalenti a quell'epoca, testimonianti la presenza di gruppi di cacciatori. Nel periodo Neolitico gli insediamenti diventarono più stabili, tanto che sono presenti tracce evidenti di diversi villaggi trincerati, in particolare sulla Murgia Timone. Con le Età dei metalli nacque il primo nucleo urbano, quello dell'attuale Civita, sulla sponda destra della Gravina[7]. Sorta su un preistorico villaggio trincerato, la città che si sviluppò successivamente ha probabili origini greche, come afferma il Volpe nelle sue Memorie storiche profane e religiose sulla città di Matera, citando anche l'Ughelli, il Pacichelli ed il Padre Bonaventura da Lama che erano giunti a tale conclusione. Ciò sarebbe confermato dall'emblema della città, il bue con le spighe di grano, che secondo il Volpe stesso è un simbolo tipico della Magna Grecia; inoltre il Gattini cita l'ipotesi di alcuni storici secondo i quali riprodurrebbe l'emblema della città di Metaponto, che era appunto un bue, mentre le spighe di grano erano figure ricorrenti nelle monete greche. Gattini a conferma di ciò cita anche alcuni versi del poeta Tommaso Stigliani: «Il marinaro di Metaponto antica, la quale a nostra età dett'è Matera», e fa riferimento all'accoglienza data da Matera ai profughi metapontini dopo la distruzione della loro città da parte di Annibale.
La città, secondo l'ipotesi del Cely Colaianni, sembra essere stata anticamente chiamata Mataia ole dai Greci, che deriva da Mataio olos, il cui significato è tutto vacuo, con riferimento alla Gravina, fossa attraversata da torrenti; ulteriore ipotesi è che il nome derivi da Mata (cumulo di rocce), radice utilizzata per diversi nomi geografici. Un'altra teoria, piuttosto fantasiosa, fa derivare Matera dal greco Meteoron ovvero cielo stellato, dato che alcuni cronisti del passato, osservando i Sassi illuminati di notte, li hanno descritti come un riflesso del cielo stellato soprastante. E non manca chi ricollega il toponimo a Mater ovvero madre terra, a Materia (matheria) o Materies termini che indicavano la legna da taglio o da costruzione, in riferimento alle zone boschive in cui la città sorgeva; il Gattini, invece, riferisce il toponimo ai termini ebraici Matterah (carcere) o Me terah (acqua pura). Altri sostengono che il nome derivi dalle iniziali di Metaponto ed Heraclea, avendo accolto profughi delle due città dopo la loro distruzione; infine Mateola, nome antico della città, potrebbe derivare dal consolato romano di Quinto Cecilio Metello Numidico, che la riedificò e la fece cingere di mura e di alte torri[8]. Plinio il Vecchio nella sua Naturalis historia (Liber III, 105) chiamò Mateolani gli abitanti della città e li elencò tra gli Apuli, anche se la desinenza dell'aggettivo in -anus evidenzia chiaramente l'influenza osca dei Lucani, in quanto la città era situata proprio sul confine apulo-lucano[9] nella regione anticamente chiamata Peucezia[10].
Nel periodo della Magna Grecia, Matera ebbe stretti rapporti con le colonie situate sulla costa metapontina, e successivamente in età romana fu solo centro di passaggio ed approvvigionamento[11]. Nel 664 d.C. Matera passò sotto il dominio longobardo e venne annessa al Ducato di Benevento. I secoli IX e X furono caratterizzati da aspre lotte fra gli stessi Longobardi, i Saraceni ed i Bizantini, che tentarono più volte di impadronirsi del territorio, e la città fu distrutta dalle truppe di Ludovico II, imperatore dei Franchi, proprio nel tentativo di cacciare i Saraceni.
Nel frattempo, a partire dall'VIII secolo, il territorio materano fu teatro di una notevole immigrazione di monaci benedettini e bizantini, che si stabilirono lungo le grotte della Gravina trasformandole in Chiese rupestri. Dopo l'insediamento dei Normanni avvenuto nel 1043 la città conobbe un periodo di pace. Nei secoli seguenti, fra carestie e terremoti, Matera fu a lungo città Regia, in quanto si liberava dal dominio feudale riscattandosi più volte, ma sotto gli Aragonesi la città fu ceduta al Conte Giovan Carlo Tramontano, che nel 1514 venne ucciso dalla popolazione oppressa dalle tasse. Nel 1663, in epoca spagnola, Matera uscì dalla provincia di Terra d'Otranto, di cui fino ad allora era parte integrante, diventando capoluogo della Basilicata. Tale titolo le rimase fino al 1806, quando Giuseppe Bonaparte trasferì le competenze a Potenza. Nel 1927 la città divenne capoluogo di provincia.
Matera fu la prima città del Mezzogiorno ad insorgere contro i nazisti; infatti il 21 settembre 1943, giorno della strage di Matera, il popolo materano insorse contro l'oppressione esercitata dall'occupazione nazista. Undici persone trovarono la morte a seguito dei mitragliamenti tedeschi in ritirata. La giornata raggiunse il suo culmine con la feroce rappresaglia nazista che costò la vita ad altri 13 cittadini fatti saltare in aria nel "palazzo della milizia". Nel 1948 nacque la questione dei Sassi di Matera, sollevata da Palmiro Togliatti prima, e da Alcide De Gasperi dopo. Nel 1952 una legge nazionale stabilì lo sgombero dei Sassi e la costruzione di nuovi quartieri residenziali che svilupparono la città nuova nella quale confluirono i 15.000 abitanti dei Sassi. Nel 1980 fu parzialmente danneggiata dal terremoto dell'Irpinia e dalle scosse che seguirono. Nel 1986 una nuova legge nazionale finanziò il recupero degli antichi rioni materani, ormai degradati da oltre trent'anni di abbandono. Nel 1993 infine i Sassi di Matera furono dichiarati dall'UNESCO Patrimonio mondiale dell'umanità.

Cummersa del Monsignore


Cummersa del Monsignore


La Casa del Monsigiore Contento sorge fra le suggestive stradine del centro di Alberobello. La struttura è stata di recente ristrutturata nel rispetto della sua originale bellezza ed è arredata con la massima cura.
La sua posizione lo rende il punto di partenza ottimale per le visite alla città: dista infatti meno di 100m dalla chiesa dei Santi Cosma e Damiano e dal Trullo Sovrano. La zona monumentale a Trulli è raggiungibile a piedi in meno di 5 minuti.

Tel Diretto:  3488739624
http://bbalberobello.com

www.bbalberobello.com casa contento www.pugliaresort.com casa contento
asa contento www.pugliaresort.comcasa cummersa monsiglior contento www.pugliaresort.com
casa cummersa monsiglior contento www.pugliaresort.comcasa cummersa monsiglior contento www.pugliaresort.com
casa cummersa monsiglior contento www.pugliaresort.comcasa cummersa monsiglior contento www.pugliaresort.com
page_cont5
page_contprima
page_cont6
page_cont2
page_cont3
page_contento1
page_contseconda
page_cont4

Trullo del Monte


Il Trullo del Monte ubicato nell'omonima zona monumentale vi ospiterà in una delle tradizionali costruzioni in pietra che hanno reso la località pugliese di Alberobello la più famosa.
Le sistemazioni del Trullo indipendente, con camera da letto matrimoniale ed eventuale culla su rihiesta, a qualche metro dal monumento Trulli Siamesi a meno di 5 minuti a piedi dalla Basilica dei Santi Medici. Dispone di un piccolo piano cottura angolare, bagno con doccia, tavolo scrivania per la degustazione della colazione o pranzo.
Vi riceverà Peppino 
Per maggiorni info: 320 9792093
Sito:http://www.pugliaresort.com

trulli in centro alberobello www.pugliaresort.com www.bbalberobello.comtrulli in centro alberobello www.pugliaresort.com www.bbalberobello.com
trulli in centro alberobello www.pugliaresort.com www.bbalberobello.comtrulli in centro alberobello www.pugliaresort.com www.bbalberobello.comtrulli in centro alberobello www.pugliaresort.com www.bbalberobello.com
trulli in centro alberobello www.pugliaresort.com www.bbalberobello.comtrulli siamesi www.pugliaresort.com www.bbalberobello.com
page_05112012282
page_05112012274
page_05112012277
page_05112012278
page_05112012279
page_trullisiamesi
page_05112012276

La Corte di Ercole - Dimora in Trulli

Mete suggerite:Il Carnevale di Putignano in Febbraio

La Corte di Ercole-Dimora nei Trulli è una proprietà di lusso  situato nel quartiere di Aia Piccola, nel centro di Alberobello, patrimonio dell'umanità UNESCO dal 1996. Aia Piccola comprende 500 Trulli, tutti sono occupati e sono l'esempio perfetto del villaggio mezza età. Tranquillo e privacy sono garantiti. Dotato di  4 posti letto con sistemazione camera da letto matrimoniale piu divano letto.

Note Non sono ammessi animali, Non si fuma in questo immobile
Vi riceverà Francesco
tel/fisso:  080 2043698 
Tel Cell: +39 348 0523129


Dopo il carnevale di Venezia, il carnevale di Putignano è uno dei più antichi d’Europa, ed affonda le sue radici nel Medio Evo. Nel corso degli anni il suo successo è stato così notevole che ne è stata anche istituita nel 2006, una versione estiva. Come l’Arlecchino ci ricorda Venezia e il Pulcinella ci ricorda Napoli, anche Putignano è rappresentato da una sua marchera tipica, la Farinella. Il nome Farinella deriva da un piatto tipico della zona, a base di orzo e ceci. Il Farinella è un giullare dall’aspetto piuttosto simile a quello di Arlecchino; il suo abito è multicolore ed indossa un cappello a due punte con sonagli. Si ritiene che anticamente l’abito del Farinella fosse rosso e blu, i colori della città, e che il cappello fosse a tre punte, che simboleggiavano i tre colli di Putignano.
sidebar_carnevalediputignano2
page_19594341020334085183551783092207698445959n
page_10337704102033408502354773111771749836148530n
page_10385400102033141492079682030123206555458456n
sidebar_honepage
logo pugliaresort.com

Il Nostro Gruppo a disposizione
per le tue vacanze 

page_10435415102033408429552958613242280069436804n
page_1036411210203340848275428951776711823613890n
page_10366163102033408411952514559008937556309934n
page_10409497102033408447953412350660392014806348n
page_10441176102033409400777233012216184622688699n
page_1958072102033408867163893452644527373671259n

Trulli di Zara

Godetevi il vostro soggiorno, lasciatevi avvolgere dalla magia e dall' atmosfera
di questo luogo ricco di fascino e storia che da anni attrae turisti da ogni parte
del mondo che giungono fin qui per ammirare ed espolorare i fantastici trulli e non solo.

Con un complesso di ben tre strutture, Angulum, Parva e Magna, situati nella tranquilla 
e silenziosa Via Zara, dotati di 2/4/6 POSTI LETTO, i nostri Trulli Diventano il luogo ideale per la vostra vacanza in Puglia
e dato l' ottima posizione geografica in cui si trova, avrete tutto quello di cui avete bisogno:

I luoghi più visitati di Alberobello, il corso, la piazza, le chiese, il centro storico, i Trulli e la Foggia.
I servizi come posta, bancomat, ospedale, bar, market, edicole e tabacchi, Internet Point.
I negozi di abbigliamento, di elettrodomestici o di informatica.
Il tutto a distanza di pochi metri e non chilometri, consentendovi quindi di spostarvi
comodamente e liberamente a piedi o in bicicletta se preferite.
Prenotazioni dirette 
320 9792093
page_323954447085789103021513988991n
page_198347444708595576967395499106n
page_64661444708408910319321014515n
page_481776444708448910315671924676n
page_2917964447084289103171870775314n
page_4845454447084222436511514002956n
page_3067354447084889103113389792n
page_231046444708508910309301126034n
page_2701904447085155769751032302018n
page_trullisuitezarawwwpugliaresortcom3
page_trullizarawwwpugliaresortcom2

B&B Pietradimora

Trulli Aia Piccola

In via Lamarmora n° 9.
L’ Originale Trullo del 1797, ristrutturato nel  2010, al centro di Alberobello, Vi aspetta per un’esclusiva ed emozionante vacanza.
A 150 metri dalla piazza principale, nel rione aia-piccola, di fronte al Museo del Territorio,  nell'aria più esclusiva del  Paese dichiarato dall’Unesco "Patrimonio dell'Umanità”.

Il Trullo dispone di area-soggiorno, cucinino attrezzato, con frigo e utensileria,
letto matrimoniale e letto singolo in caratteristici alcove  ( per 2/3 persone),
tv lcd con dvd, aria condizionata,  ampio bagno con doccia, asciugacapelli, ferro ed asse da stiro.
Vi riceverà: Vito
mail: bufanovito@libero.it
Cell: 3683168074
page_trullisottolapioggia
page_trulloesternoeapecc
page_alcoveletticc
page_arcocucinaconalcovacc
page_vito2

Miratrulli Casa vacanza in mezzo ai trulli

Miratrulli, Casa Vacanze, situata in una posizione privilegiata, fra i Trulli di Alberobello, a pochi passi dalla zona monumentale Trulli e dal rione aia-piccola, indipendente con aria condizionata e termosifoni autonomi, ubicata su due livelli. Al piano terra: Ingresso-soggiorno con angolo cottura ed utensileria da cucina, frigorifero, mini forno, bagno con ampia doccia, asciugacapelli e linea cortesia. Possibilità di aggiungere un divano letto. Al primo piano: Comoda camera matrimoniale con balcone panoramico sulla zona Trulli ed altro bagno, adiacente camera singola con scrivania. A disposizione:  2 Tv color Lcd, lavatrice, asse con ferro da stiro. Posti letto: 3+2
Parcheggio pubblico gratuito a 150 mt. A pagamento, € 6,00 al giorno, a 20 mt. A disposizione prodotti per la prima colazione continentale.
mail:bufanovito@libero.it
cell. 3683168074
Sito diretto:http://miratrulli.it
page_miratrullisiutes
page_belsoggiornoconcredenzamira
page_trulliore5
page_15matrimonialegiornocc
page_17singolaconpc

Posizionamento Miratrulli Trulli Aia Piccola

Trulli A 3 Km. dal Centro di Alberobello

Trulli Barsento 

Una volta bottega di antichi Aratri in Legno per arare le terre fertili della bellissima Murgia Barese, i trulli sono circondati da un bosco lussureggiante. Ristrutturati con materiale d’origine conservano i legni e le architetture dell’epoca.
Da due a sei posti letto accessoriati offrono confort e completo relax. Selva di Fasano, ed il suo zoo safari a 10km, il mare adriatico con Monopoli a 15 Km, Ostuni a 20 km, Bari a 40 km e Lecce a 80 Km.
Vi affacciate dalla finestra e potete ammirare l'antichissima basilica di Barsento è un vero e proprio gioiello del patrimonio architettonico pugliese.
Eretta nel 591d.C per volere del papa Gregorio Magno, è di piccole dimensioni: fu costruita dai monaci di sant' Equizio con i pochi mezzi loro disponibili. E' una chiesa di tipo romanico nella sua forma basilicale; rappresenta per la sua età e per le sue caratteristiche una chiesa rara non solo in Puglia ma anche in tutta Italia. La chiesa si erge in posizione dominante sul culmine di una collinetta che si affaccia sul canale di Pirro (440mt sul livello del mare). Nel cuore della puglia situati a 3 km da Alberobello e 5 da Noci.
Ti riceverà Giovanni
cell: 3475802963
web: www.pugliaresort.it
page_2
page_1
page_5
page_7
page_10
page_8
Associazione PugliaResort&Management Noci (Ba) -70015- Via D.Mele 7
C.F: 91089230725 E-mail: terradipuglia@yahoo.it Tel: +39 3488739624
Create a website